mercoledì 14 ottobre 2020

All'amico D.

Certo, per amor d'onestà e di verità cui la tua indole ti costringe, vorresti dirlo a quel vecchio amico che di tanto in tanto ancora ti fa visita che non sei più affatto quella persona che lui si ostina a vedere, forte della dolce fragranza di ritorno dei ricordi di giovinezza.

Non sei più il "suo angelo immaginario", non hai più visioni né profezie da elargirgli. D'altronde, pur nella sua buonafede, neppure ai tempi d'oro dei dialoghi e delle passeggiate filosofiche nei campi aveva scoperto che in realtà la tua era una voce di Cassandra.

Vorresti spiegargli quanto sia opaca adesso la tua vita e scandaloso il tuo costante dolore. Vorresti descrivere la vastità della tua solitudine senza appello, esattamente identica a quella sua stessa, che però lui per nulla al mondo vorrà ammettere mai.

Vorresti almeno dire a quest'ingenuo buon amico che a te difetta il meccanismo di rimozione che salva tutti gli altri e vedi con chiarezza che l'esistenza, coattiva perché imposta da una legge naturale che gli uomini poi sistematicamente infrangono e sconfessano, altro non è che malattia e preludio di morte. 

La malinconia, si sa, è contagiosa ed invisa ai gaudenti, ma la sua eterna indissolubile  permanenza sotterranea nei suoi portatori mentre li fa apparire fragili li fortifica. Vorresti congratularti con lui perché, se non altro, ha intuito ed amato solo la tua forza.

Eppure, giacché sei umana, le sue comparsate ti commuovono e le apprezzi, ed intanto pensi a quante altre inutili vicende sono nate così, in mancanza di pienezza, con spirito frugale e rassegnato, senza aspirazioni di grandiosità, perché poco,  in verità, quando riguarda la tua stirpe, ci si può aspettare di permanentemente grandioso.


10 commenti:

  1. È Dio quest'amico che di tanto in tanto ti fa visita?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No davvero: lui ha almeno il merito d'essere reale.

      Elimina
  2. Preludio certo, ma è una musica molto bella. Nonostante tutto e tu sei un'ottima esecutrice.

    RispondiElimina
  3. "La voluttà dell'insolubile" E. Cioran

    Stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Stefano, adoro la tua abilità nel centrare la sintesi.

      Elimina
  4. Ciao Sirio, ho rimesso in rete questo blog...chiamiamolo così. Tu sei sempre così defilata. E' un pregio.

    RispondiElimina
  5. Leggerti, pensando al silenzio virtuale in cui sei avvolta, è una esperienza di forte impatto. Una blogger sui generis...mi piace.

    RispondiElimina
  6. Chiederti di tornare a scrivere è eccessivo?

    RispondiElimina
  7. Tornare a scrivere per impulso personale. E niente altro.

    RispondiElimina